Recensione allarme smart ring

Mi sono preso molto tempo prima di scrivere questa recensione perchè ho voluto provare a fondo il sistema di allarme Ring; sono infatti parecchi mesi che lo utilizzo e posso anticiparti fin da subito che è sicuramente uno dei migliori sistemi di allarme fai da te attualmente disponibile. Non voglio anticipare nulla e ti lascio a questa recensione allarme smart Ring dicendoti che dietro il marchio Ring c’è tutta la serietà e professionalità del gruppo Amazon, una vera garanzia.

Recensione allarme smart ring

Il sistema di allarme Ring è modulare, nel senso che lo puoi, in qualsiasi momento integrare con nuovi componenti. Esistono vari kit su Amazon e per questa recensione allarme smart ring ho utilizzato la versione con centralina, extender, 6 sensori delle finestre, 3 sensori di movimento, sirena esterna ed infine il tastierino numerico. Questa versione è quella ideale per un’appartamento di medie dimensioni.

Contenuto della Confezione

Il cuore del sistema di allarme Ring è la stazione base ed è infatti il primo componente che deve essere installato.; si tratta di uno scatolotto della misura di 17 cm x 17 cm x 3,5 cm circa dotato di un led per lo stato superiore , una sirena integrata e un altoparlante per fornire feed-back vocali. La stazione base deve essere collegata all’alimentazione a muto ma contiene una batteria di backup da 3,6V, 5100mAh che ne permetterà il funzionamento per ben 24 ore anche in caso non ci sia corrente in casa.

Recensione allarme smart ring 1

La stazione base dell’allarme smart ring si collega tramite Wifi alla rete di casa ma ha anche una porta Ethernet oltre che una porta usb. La stazione base funge da Hub per tutte le sue periferiche (sensori, tastiera etc.). Inoltre all’interno della stazione base è contenuta una SIM per invio di notifiche in caso di interruzione della rete Wifi (ti spiegherò meglio dopo di cosa si tratta).

Viene fornito anche un amplificatore di portata che si collega alla spina a muro ed aumenta il segnale Wireless ma nel mio caso non è stato necessario; infatti in un appartamento di medie dimensioni, salvo casi particolari, la stazione base, se posizionata al centro dell’appartamento, sarà da sola in grado di raggiungere tutte le sue periferiche.

Recensione allarme smart ring 2

Un altro accessorio che troverai è la tastiera; si tratta di una tastiera realizzata interamente in plastica con batteria integrata ricaricabile al litio che offre un autonomia di alcuni mesi in base all’utilizzo; la batteria ha i tasti per la combinazione numerica e tasti di emergenza tutti retroilluminati ed è dotata di un piccolo speaker per i feed-back vocali. La tastiera numerica può essere appoggiata su qualsiasi superficie piana o essere appesa al muro tramite apposita staffa fornita in dotazione. La tastiera numerica è veramente molto elegante e realizzata con materiali di ottima qualità; tutti i tasti sono realizzati in plastica morbida e retroilluminati.

Recensione allarme smart ring 3

Nella confezione trovi poi i sensori per le porte e finestre e i sensori di movimento.

I sensori per porte e finestre sono dei rettangolini molto piccoli e leggeri che si fissano ai lati delle porte e finestre tramite un biadesivo già preinstallato. Sono alimentati a batteria. Non sono proprio piccoli e il colore bianco potrebbe stonare con infissi in legno.

Recensione allarme smart ring

I sensori di movimento sono anche questi realizzati completamente in plastica e possono essere fissati a muro sia tramite le strisce biadesive preinstallate sia tramite normali tasselli. Sono alimentati da due normalissime batterie stilo.

Recensione allarme smart ring 4

Infine c’è la sirena per l’esterno della quale ho già parlato in questa recensione; realizzata interamente in materiale plastico di buona fattura e non teme le intemperie e basse temperature (fino a -20 gradi) proprio perché è stata progettata per essere fissata sui muri esterni delle abitazioni. Questa sirena può essere alimentata sia a batterie sia ad  alimentazione esterna (in questo caso la sirena offrirà anche la possibilità di una illuminazione notturna). 

Recensione allarme smart ring 5

Installazione sistema di allarme Ring

Uno dei grandi vantaggi di un sistema di allarme Ring è la semplicità di installazione; tutti i passaggi sono guidati e particolare attenzione è stata prestata per assicurare che non possano essere commessi errori. Questo, però, non vuol dire che l’installazione ti richiederà 5 minuti, anzi, nel mio caso ci sono volute 2 ore; devi trovare i posti migliori per montare i componenti e, se del caso, praticare buchi al muro ma durante la procedura non incontrerai nessun intoppo, te lo assicuro. Quindi l’installazione richiederà del tempo ma potrà essere eseguita da chiunque anche senza particolari conoscenze tecniche.

Personalmente non ho praticato nessun foro al muro (ad eccezione per la sirena esterna e della tastierina numerica) e mi sono affidato al biadesivo presente sui dispositivi e, dopo circa 6 mesi di utilizzo, tutti i sensori sono ancora ben saldi al muro, porte e finestre.

Per prima cosa dovrai scaricare l’app Ring (ovviamente disponibile sia per Android che per iOS), aprirla e creare un nuovo account seguendo le istruzioni che ti verranno fornite. Una volta completata la registrazione dovrai cominciare ad associare uno ad uno i componenti del sistema di allarme Ring partendo ovviamente dalla stazione base. L’ associazione è molto semplice ed è completamente guidata per cui eviterò di descriverla. Come ti dicevo non necessariamente dovrai utilizzare l’amplificatore di portata, nel mio caso non è stato necessario; se, installando i sensori noterai che non ricevono il segnale dalla stazione base, allora dovrai installare l’amplificatore di portata altrimenti puoi anche lasciarlo dentro la scatola.

Quando installi i sensori di porte e finestre devi specificare se si tratta di una porta principale; in questo caso verrà impostato un ritardo dell’allarme; dovrai quindi impostare solo per il portoncino di casa il ritardo in modo da permetterti di avere il tempo di disattivare l’allarme quando rientri in casa. Il tempo di ritardo può essere modificato, di default è impostato ad un minuto.

I sensori di movimento devono essere installati a parete in alto (possibilmente sopra i 2 metri) e posizionati in modo da inquadrare completamente la stanza; presta attenzione a non posizionarli di fronte a fonti di luce che ne potrebbero compromettere il corretto funzionamento (ad esempio posizionati di fronte una finestra esposta a sud).

La tastiera numerica deve essere completamente caricata (tramite il cavo USB in dotazione) prima di essere utilizzata; la puoi fissare a muro tramite staffa o appoggiare su qualsiasi superficie, anche in questo caso l’installazione sarà completamente guidata per cui non avrai nessun problema. Ti verrà chiesto di impostare il codice di 4 cifre che utilizzerai per attivare e disattivare l’allarme.

Dal momento che utilizzerai la tastiera per attivare e disattivare l’allarme potresti preferire collocarla nei pressi del portone d’ingresso di casa.

Prova Allarme Ring

Bene, ora siamo al cuore di questa recensione allarme smart ring ossia alla prova d’uso. Quello che rende unico questo sistema di allarme è la sua semplicità d’uso nonostante la complessità del sistema; fin dalla sua installazione, tutto sarà così semplice ed intuitivo che è praticamente impossibile sbagliare!

La praticità di questo sistema si nota fin dal primo utilizzo; puoi attivare e disattivare l’allarme:

  • dalla tastierina numerica inserendo il codice numerico di 4 cifre che avrai impostato e premendo il tasto di attivazione o disattivazione
  • direttamente da smartphone tramite app ring ovunque tu sia
  • tramite comando vocale con dispositivi Alexa o Google Home

Personalmente trovo il tastierino numerico come la soluzione più semplice ed utilizzo quasi esclusivamente quello.

Puoi impostare l’allarme (da app o tastierino numerico) in 3 diverse modalità:

  • Disattivato : l’allarme è completamente disattivato
  • Fuori Casa : l’allarme è completamente attivato
  • A Casa : l’allarme è parzialmente attivato

Dovrai utilizzare la modalità fuori casa quando esci di casa, questa modalità attiva tutti i sensori (porte, finestre, di movimento) . La modalità A casa invece è utilizzata quando sei a casa, ad esempio di notte; in questo caso si attiveranno solo i sensori delle finestre e non i sensori di movimento (allarme perimetrale). Puoi configurare quali sensori devono essere utilizzati nella modalità A Casa in modo da personalizzare al massimo questo allarme alle tue esigenze.

L’app Ring è molto semplice da usare e, al di là delle funzionalità avanzate, nella sua pagina principale in alto riporta i tasti per cambiare lo stato dell’antifurto (Disattivato, Fuori Casa e A Casa).

Recensione allarme smart ring 6

E’ possibile creare più utenti configurando per ciascuno cosa può e non può fare; ad esempio si può creare un utente per il figlio permettendogli di mettere e togliere l’antifurto senza, però, poterne variare la configurazione. Ogni utente ha un codice diverso e l’app ring ti permette di sapere chi e quando attiva e disattiva l’antifurto.

La stazione base è dotata di una sirena abbastanza potente ma comunque non paragonabile a quella da esterno; il suo suono comunque allerterà sicuramente i tuoi vicini. La sirena da esterno è invece molto potente ed è al pari delle sirene professionali; in caso di manomissione la sirena si attiverà per cui è estremamente affidabile.

Affidabilità, insieme alla semplicità, rende il sistema di allarme smart ring uno tra i migliori “fai da te” che puoi trovare. Tutto sembra semplice ed intuitivo ma “dentro” questo sistema di allarme ci sono sistemi di anti manomissione, sistemi anti jamming, batterie per tenerlo in vita anche se viene tolta la corrente e come se non bastasse la stazione base è dotata di una propria SIM GSM che garantisce l’invio di messaggi di allarme anche se si blocca la rete wifi (questa funzionalità, però, richiede la sottoscrizione di un piano in abbonamento).

Come ti dicevo ad all’inizio ho atteso alcuni mesi prima di scrivere la recensione allarme smart ring per provare a fondo questo sistema; non ho mai avuto un falso allarme; tutto ha sempre funzionato perfettamente ed il sistema è risultato facile da utilizzare anche a persone che con la tecnologia “ci hanno litigato”! Questo grazie al tastierino che permette di attivare e disattivare l’allarme semplicemente inserendo il codice e premendo il relativo tasto. Dal tastierino numerico è possibile attivare poi due tipi di allarme aggiunti : incendio, in questo caso la sirena interna emetterà un suono diverso e allarme malore medico ed in questo caso viene inviata una notifica a tutti gli smartphone che avete registrato.

Ti avevo parlato di un piano a pagamento, che io personalmente non ho provato; ad ogni modo si chiama Ring Protect Plus e ti permette di utilizzare il modulo GSM in assenza di WiFi e in caso di emergenza di chiamare automaticamente tre contatti; sono disponibili due piani in abbonamento e trovi maggiori informazioni direttamente nel sito di Ring.

Non voglio allungare troppo questa recensione allarme smart ring per cui non vi elencherò le tantissime configurazioni che potete fare,ad esempio potete selezionare il tipo di suono che verrà emesso (sempre che lo vogliate) quando una specifica porta o finestra viene aperta ma mi limiterò a dire che l’app ring permette di gestire al massimo il sistema nel complesso nonché i singoli dispositivi (sensori, sirena etc.) e questo sistema può essere integrato da altre telecamere ring. Inoltre a breve verranno anche messi in commercio i sensori di rottura dei vetri che potranno completare questo sistema di allarme.

Volendo concludere la recensione allarme smart ring non posso che non consigliare questo sistema di allarme assicurando che si tratta di uno dei più completi, efficienti e semplici sistemi di allarme che abbia provato fino ad ora dal prezzo estremamente competitivo rispetto ai suoi rivali (in primis al somfy).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Available for Amazon Prime