Recensione Macbook air 2020

Sono ormai 8 anni che utilizzo un macbook air, dispositivo che mi ha sempre dato grandi soddisfazioni e mai problemi. Ecco perchè non vedevo l’ora di scrivere la Recensione Macbook air 2020, l’ultimo arrivato della casa Apple.

Non si tratta di un modello che porta grandi novità quanto piuttosto un “potenziamento dell’hardware” del modello precedente che risultava non a passo con i tempi. Anticipo che le uniche novità del modello 2020 rispetto al modello 2019 sono ben nascoste dentro il case e si possono apprezzare solo utilizzando questo notebook. Dunque come vedremo nuovi processori al passo con i tempi, dimensione base della SSD aumentata (ed era ora) visto che è dal 2012 che le SSD partivano da 128GB, ram più veloce e nuova tastiera. Ma manca ancora qualcosa per renderlo perfetto….

Macbook air e pro, qual’è la differenza?

Una considerazione iniziale che poco a che fare con la recensione Macbook air 2020. Nel 2012 accanto ai prestanti e potenti notebook macbook pro sono stati introdotti anche i macbook air. Erano notebook meno performanti, con hardware indubbiamente inferiore e sicuramente meno modulari; fondamentalmente prima i macbook pro erano macchine da lavoro pesanti e scomode da trasportare mentre i macbook air erano notebook leggeri, sottili e ideali per il trasporto.

A quei tempi la differenza delle famiglie Air e Pro era chiara; se ti serviva un notebook per lavorare compravi il pro mentre se ti serviva un computer solo per il tempo libero compravi l’air. E’ ancora così? Forse, ma i due modelli sono diventati così simili tra loro che sinceramente non vedo il senso di avere due famiglie diverse. Il nuovo air 2020 ha le stesse prestazioni del Pro e le stesse porte, lo stesso; ma allora dov’è la differenza? C’è una leggera differenza nella risoluzione del video, tutto qui. Fatta eccezione del pro da 16 pollici che è una macchina a parte, penso che apple debba ridare un senso alla famiglia Pro che al momento risulta del tutto offuscata dai notebook air.

Recensione Macbook air 2020

Trattandosi fondamentalmente di un upgrade del macbook air del 2019 in questa recensione Macbook air 2020 confronteremo il modello del 2020 con il modello del 2019 analizzando le novità più importanti.

Design

Il design del nuovo macbook air è sostanzialmente identico al modello del 2019. Nessun cambiamento per quanto riguarda l’estetica che, va detto, è rimasta inviariata fin dal primo modello del 2012. Case completamente in alluminio riciclato bellissimo come i modelli precedenti ed estremamente elegante disponibile nelle tre colorazioni argento, oro e grigio siderale. Ad un lato del case 2 porte Thunderbolt 3 e nell’alto lato il Jack da 3,5 mm per cuffie; tutto qui, esattamente come il modello del 2019 nessuna altra uscita o connettore. Lo schermo (esattamente come i modelli precedenti) si apre con una sola mano e l’inclinazione si può posizionare a piacimento.

dimensioni macbook air

Le dimensioni sono esattamente le stesse del modello del 2019 ed il pero è di 1,29 kg (leggermente più pesante del modello del 2019).

Hardware

Cominciamo dalla tastiera che rappresenta uno dei più grandi cambiamenti. E’ incredibile pensare che un colosso come Apple si sia perso negl’ultimi tempi proprio con i meccanismi delle tastiere che tanti problemi hanno (e stanno) dando a chi ha un Macbook pro.Nel Macbook air 2020 è montata per la prima volta nella famiglia air la tastiera con meccanismo a forbice perfezionato (per intenderci la stessa tastiera del MacBook Pro 16 del 2019). L’escursione di 1mm dei tasti li rendono sicuramente migliori dei macbook pro da 13 pollici del 2019 ma ancora non danno un buon feedback durante la digitazione. Sembrano comunque lontani i problemi delle tastiere con meccanismi a farfalla di qualche anno addietro.

E’ stato introdotto il touch ID, un sensore di impronte digitali posto in alto a destra che permette di sbloccare il dispositivo aumentandone la sicurezza. Già presente nella famiglia Pro funziona molto bene. A differenza della famiglia pro non è presente la touch bar ma sinceramente penso che nessuno ne sentirà la mancanza.

tastiera macbook air

Il Trackpad Force Touch è lo stesso del modello 2019 ma perchè cambiarlo visto che è semplicemente perfetto? reattivo, grande e piacevole e perfetto per il multi-touch.

Lo schermo è rimasto invariato; un fantastico Display retina con tecnologia True Tone da 13,3 pollici con più di quattro milioni di pixel e una risoluzione di 2560×1600 funziona veramente bene.

La videocamera frontale è esattamente la stessa del 2019 ossia da 720p , risoluzione troppo bassa per un prodotto del genere.

Scrivendo questa recensione Macbook air 2020 ho notato fin da subito un grande cambiamento rispetto al modello del 2019 per quanto riguarda l’audio. I microfoni e le casse funzionano veramente molto bene. Il modello del 2020 monta autoparlanti stereo con tecnologia Dolby Atmos che restituiscono un suono pulito e profondo; è difficile credere che con soli 1,6cm di spessore gli autoparlanti restituiscano un suono così potente. Rispetto al modello del 2019 il suono risulta molto più profondo e i bassi sono più potenti. I microfoni sono tre e dotati di beamforming direzionale per una ricezione ancora migliore.

Sono stati introdotti i processori intel di decima generazione, un bel passo avanti rispetto al macbook air del 2019 che montava processori di nona generazione; si parte da un Intel Core i3 dual‑core a 1,1GHz ma si può avere (a caro prezzo) anche la versione con Intel Core i5 quad‑core a 1,1GHz o addirittura un Intel Core i7 quad‑core a 1,2GHz. In effetti questi processori vanno veramente bene e permettono di far girare tutte le applicazioni (anche le più recenti) senza il minimo sforzo. La versione con processore i5 non teme confronti neanche con gli ultimim macbook pro da 13 pollici.

Ovviamente non è presente una scheda grafica dedicata ma troverete una Intel Iris Plus Graphics che comunque vi permetterà buone prestazioni video e giocabilità a giochi non eccessivamente pesanti. I video in 4K girano senza nessun problema anche alzando i fps fino a 60 frame per secondo. In questa recensione Macbook air 2020 non mi imbatterò nelle solite polemiche circa la scelta di non mettere una scheda video dedicata nei pro e negli air; sinceramente dubito però che con una scheda video dedicata si sarebbe potuto mantenere lo spessore di 1,6 cm dell’air e l’autonomia della batteria fino a 11 ore. Per me la scheda video integrata è una scelta obbligata su questi dispositivi che comuqnue vale la pena di ricordarlo non nascono per il gaming. Se poi hai deciso che vuoi giocare con un macbook air allora ti ricordo che grazie alla velocità delle porte Thunderbolt 3 per casa puoi acquistare un case per eGpu e montare qualsiasi scheda video tu voglia.

Un piccolo miglioramento c’è stato anche per la memoria RAM. Si parte sempre da 8GB come nel modello del 2019 ma ora la memoria è più veloce perchè questo macbook air ora monta ram PDDR4X a 3733MHz (rispetto a LPDDR3 a 2133MHz del modello del 2019).

Finalmente la Apple si è accorta che non siamo più nel 2012 ed ha deciso di cambiare la capienza base del disco SSD portandola a 256GB (rispetto ai 128GB del modello del 2019) estendibili (a prezzi assurdi) fino a 2TB. 256GB sono ancora pochi ma è un piccolo passo avanti. Anche in questo modello è presente il chip T2 Security per la crittografia dei dati in tempo reale.

Ottima la batteria da 49Wh che ha un autonomia dichiarata dalla Apple di circa 11 ore; in uso medio-inteso dura tranquillamente 5/6 ore e si scende a 4 ore con un utilizzo inteso (ad esempio un rendering). Sfortunatamente l’alimentatore (con attacco USB-C ) da 30W risulta essere sottodimensionato e la carica è molto lenta. Ritengo che l’alimentatore da 30W sia un grande difetto che si poteva evitare.

Il case in alluminio ha una buona dissipazione del calore e difficilmente sentirete le ventole girare. Ma se si lavora con i video o si eseguono operazioni particolarmente stressanti allora le ventole partiranno e si faranno sentire; in effetti sono parecchio rumorose. Sotto stress il case si riscalda parecchio e potrebbe risultare fastidioso.

Prezzo

Quando scrivo una recensione per un prodotto Apple tengo per ultimo sempre il prezzo che è la vera nota dolente. La qualità si paga, non si discute. Questo macbook air è un prodotto di alta qualità con prestazioni fuori dal comune per cui il prezzo, seppure può sembrare alto, è assolutamente giustificato.

Recensione Macbook air 2020

Si parte da 1.229,00 euro (50 euro in meno rispetto al modello di partenza del 2019) per la versione con processore Intel Core i3 e 256GB.

Il modello con processore Intel Core i5 quad‑core e 512GB costa 1.529,00 euro, più o meno il prezzo di un macbook pro da 13 pollici del 2019 (ma rispetto a questo ha prestazioni assai maggiori).

Scegliendo il modello base ed aggiungendo solo 50 euro in più si avrà il processore Intel Core i5 quad‑core e con soli 80 euro in più il processore Intel Core i7 quad‑core. La spesa è minima per cui mi sentirei di consigliare il processore i7 ma devo ammettere che tutti e 3 i processori vanno assolutamente bene e la differenza in termini di prestazioni è minima.

Per portare la RAM da 8GB a 16GB vengono richiesti ben 250 euro a mio avviso assolutamente troppi. Troppi, a mio avviso, sono poi i soldi che dovrete spendere per espandere la SSD (250 euro per portarla a 512GB, 500 euro per portarla ad 1TB e 1000 euro per portarla a 2TB).

A mio avviso la configurazione ideale è 256GB di SSD con processore Intel Core i5 quad‑core che vi costerà 1279 euro.

Considerazioni

Prima di tutto devo constatare che finalmente la Apple ha capito che non si può continuare a vivere di rendita su un progetto del 2012. Il Macbook air del 2019 aveva caratteristiche hardware “vecchie”; dal 2012 ad oggi cosa è cambiato? praticamente nulla, le porte USB sono state sostituite da porte thunderbolt , è stata aumentata la memoria ed aggiornati processori. Tutto qui.

Il Macbook air 2020 altro non è che il macbook air del 2019 con una nuova tastiera, memoria più veloce, SSD più capiente e nuovi processori, nulla di nuovo insomma ma un notebook con delle prestazioni al top di gamma che risulta essere perfetto per lo studio, il lavoro e con alcuni accorgimenti (costosi) anche per il gaming.

Tuttavia rispetto al 2019 i nuovi processori di decima generazione fanno la differenza. Il Macbook air 2020 è “un treno” che può tranquillamente sostituire il computer di casa. Le prestazioni sono perfette, non ci sono throttling e tutte le applicazioni che ho provato funzionano alla perfezione.

Il Macbook air 2020, come del resto il suo predecessore è privo di porte USB per cui si renderà necessario l’acquisto di una usb-stick combo che comunque non rappresenta una grande spesa. Se volete utilizzarlo anche come computer di casa poi dovrete attrezzarvi di un hub per aumentare le porte Thunderbolt 3 (te ne servirà una per il monitor e egpu, una per un disco SSD esterno ed una libera).

Recensione Macbook air 2020 2

La porta Thunderbolt 3 rimane comunque il più grande valore aggiunto dei notebook apple, così veloce e potente da poter essere utilizzata per collegare monitor 6K, dischi esterni SSD, schede video esterne.

Vale la pena comprare il macbook air 2020 ? Si certo, si tratta di un notebook estremamente compatto e performante. Le prestazioni sono al pari del macbook pro da 13 pollici (in alcuni casi sono anche superiori). L’integrazione con l’ecosistema apple è perfetta; se avete un ipad o un iphone vi renderete conto di quanto questi dispositivi interagiscano tra loro. A mio avviso, al momento, il macbook air con processore i5 a 1279 euro è il miglior notebook apple per rapporto qualità / prezzo.

Vale la pena comprare il macbook air 2020 se si ha un macbook air 2019? Sicuramente no, la differenza di prestazioni è notevole ma non può giustificare la spesa.

Finisco questa recensione Macbook air 2020 con l’elenco dei pregi e difetti

Pregi

  • Leggero sottile
  • Ottime prestazioni
  • le porte Thunderbolt lo rendono estremamente modulare
  • buona durata della batteria
  • display ed audio ottimi

Difetti

  • solo due porte Thunderbolt; sentirete sicuramente la mancanza di una terza porta
  • SSD aumentata a 256GB ma ancora è poco
  • La nuova tastiera risolve alcuni problemi del modello precedente ma la sensazione durante la scrittura non è tra le migliori
  • Alimentatore troppo poco potente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.